Aiello: «Nella musica sono fedele a me stesso e alla mia natura»

Aiello ci racconta come si sta preparando per Sanremo 2021 e cosa racconta l'album 'Meridionale', in uscita il 12 marzo.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Sul palco dell’Ariston – per il Festival di Sanremo 2021 – Aiello canterà Ora, mentre l’album Meridionale uscirà il 12 marzo. Dieci tracce, tra cui i singoli Vienimi (a ballare) – certificato disco d’oro – Che canzone siamo e – appunto – Ora, che sarà presentata sul palco del Teatro Ariston per la 71° edizione del Festival di Sanremo.

«Ho tanta voglia di condividere musica nuova. – ci dice Aiello – In questo momento oscillo tra la grande carica, perché le attese sono stimolanti ma anche logoranti, e una tensione che si taglia con il coltello».

LEGGI ANCHE: Francesco Renga: «Sanremo con me è sempre stato generoso»

Ora – ci anticipa il cantautore – «è un bellissimo esempio di approccio alla musica fatto di contaminazione e convivenza di diversità. Nel disco ho provato a far incontrare il pop, il flamenco, la musica popolare e l’R’n’B. In Ora il pop classic incontra l’urban». Non a caso, il brano vanta Mace e Brail come produttori.

«Non è una canzone nata per Sanremo. L’ho scritta durante il primo lockdown. Visto quanto è successo, ho pensato che Sanremo fosse un’occasione perché è un palco speciale. È una canzone molto viscerale e molto vera. Parla di un ragazzo che dichiara apertamente di essere stato uno str**zo».

Insomma, una disamina delle relazioni non scontata, perché – come dice Aiello – «fa parte di tutti noi la difficoltà di ammettere di aver sbagliato. Durante il lockdown mi sono guardato allo specchio e l’ho ammesso con me stesso. Ho sentito il bisogno di scrivere di getto e di urlare questa presa di coscienza».

Meridionale, l’album di Aiello in uscita il 12 marzo dopo Sanremo

Meridionale – e lo si capisce dal titolo – è una «dedica alla terra che mi ha partorito», chiarisce Aiello.

«Meridionale è ciò che scorre sotto la mia pelle, la mia visione della vita e della musica. Un mix di culture come la mia Calabria».

«Il mio modo di scrivere e di cantare, che piaccia o non piaccia, è mio. – ci dice il cantautore – Io nella musica sono fedele a me stesso, alla mia natura e al mio modo di vedere. Non posso governare nulla, forse solo me stesso».