Katabasis, così grida di dolore un ghiacciaio che si scioglie

A Noto, nella bella Sicilia, è stato installato il primo green smart wall d'Italia: una foto d'autore che riproduce uno dei ghiacciai in pericolo, quello del Rodano, accompagnata dal suono raggelante del ghiaccio che si sgretola
- - Ultimo aggiornamento
loading

Nella capitale europea del Barocco, Noto, a 30 km da Siracusa, è stato installato il primo green smart wall sonoro d’Italia: si chiama IRAE-Ultimate Landscapes ed è un mosaico digitale in bioresina, che – promosso dalla no profit italiana Yourban2030 in occasione della prima edizione di Vision2030 – arriva sui muri della stazione di Noto per raccontare una storia, quella dello scioglimento dei ghiacciai, attraverso i suoni di Alessio Mosti e le immagini di Claudio Orlandi.

LEGGI ANCHE – Il WWF lancia l’allarme: COP27 chiude la prima settimana senza risultati

Si tratta di un vero e proprio muro, multimediale e sostenibile, che offre ai passanti e ai visitatori una performance perenne, grazie alla tecnologia di prossimità: sulla tela dello smart wall è infatti riprodotta una foto d’autore di Claudio Orlandi, che ritrae il ghiacciaio del Rodano in Svizzera, e ad accompagnare l’immagine c’è una traccia audio, in ascolto tramite QR code. La traccia si chiama “Katabasis” ed è il risultato del lavoro del sound designer Alessio Mosti, che è riuscito ad immortalare il grido di dolore del ghiacciaio che si sta sciogliendo.

La suggestione di questo smart wall è tutta qui, in questo suono paralizzante che arriva mentre si osserva l’imponente ghiacciaio, protetto da una coperta termica per evitare che si sgretoli completamente.

Per la composizione del sound di Katabasis, Alessio Mosti ha utilizzato dei campionamenti sonori rilevati in Antartide relativi al collasso delle piattaforme di ghiaccio, fenomeno ormai conosciuto come calving: il materiale sonoro è stato rielaborato, manipolato e inserito allinterno di una composizione elettroacustica di 8 minuti e 22 secondi.

IRA-Ultimate landscape è un’opera d’arte pubblica che lancia un preciso messaggio, reso più potente dalla tecnologia che lo costituisce: sentire con le proprie orecchie il grido dei ghiacciai che si sciolgono, che è poi il grido di una umanità in pericolo, spinge a riflettere e soprattutto ad agire per impedirlo.

Lopera è stata inaugurata da Yourban2030 l11 dicembre alle ore 18.00 nellambito delle attività del premio Vision2030 di Noto (SR). Se IRAE – Ultimate Landscapes è estratto dal primo numero di IRAE, loriginale serie editoriale promossa e creata da Yourban2030 con Angelo Cricchi, lo smart wall è anticipato dalluscita del secondo numero dello special book a edizione limitata e monografico, che è stato presentato sempre a Noto il 10 dicembre alle 22.00.