’22 contro la Terra’, Paola Cortellesi: «Tornare a dare la voce a 22 è stata una festa»

Cosa apprezza Paola Cortellesi di 22? Quali sono i suoi luoghi preferiti dell'Antemondo? Ecco le risposte.
-
’22 contro la Terra’, Paola Cortellesi: «Tornare a dare la voce a 22 è stata una festa»

Paola Cortellesi torna a prestare la voce a 22 nel nuovo cortometraggio Disney e Pixar 22 contro la Terra. E, dato che dal 30 aprile il corto è disponibile su Disney+, Paola ha deciso di rispondere a domande e curiosità dopo la sua nuova esperienza di doppiaggio, ambientata prima degli eventi di Soul.

«Tornare a dare la voce a 22 è stata una festa. – dice – Mi sono molto affezionata a questo personaggio quindi credo che non lo lascerò mai».

«22, prima dell’arrivo di Joe, non trova una motivazione per andare sulla Terra. Anzi lavora contro le anime che trovano la cosiddetta scintilla. Dopo l’incontro con Joe, come vediamo in Soul, trova una forte motivazione e il senso della vita. La cosa che ho amato di più di Soul è che ti lascia una profonda gioia e voglia di vivere».

Tra le meraviglie dell’Antemondo e dei luoghi in cui vive 22, Paola Cortellesi ammette di avere un debole per il Salone del Tutto e per i Padiglioni della Personalità.

«22 è un’anima molto ribelle e mi è simpatica per questo. Sono stata sempre un po’ ribelle anche io, ma 22 è roba forte».

«La bolla di Joe è il momento in cui l’artista si isola. – conclude Paola – È una protezione, un luogo sicuro. Joe è il mentore di 22, la aiuta a trovare la sua scintilla. Forse tutti i genitori vorrebbero essere mentori perfetti, ma non c’è molto da fare secondo me. Come capita anche in Soul, la scintilla bisogna trovarla da soli».