Perché Demi Lovato sta discutendo di disturbi alimentari con un negozio di frozen yogurt

Demi Lovato si scaglia contro la cultura della dieta, scontrandosi con uno store di frozen yogurt. Tutta la vicenda.
- - Ultimo aggiornamento
Perché Demi Lovato sta discutendo di disturbi alimentari con un negozio di frozen yogurt

Mentre l’Italia protesta per il mancato arrivo del BTS Meal, in America si parla proprio in queste ore di una querelle tra Demi Lovato e uno store di frozen yogurt. The Bigg Chill – questo il nome dello shop – si trova a LA e, visitandolo, Demi Lovato avrebbe storto il naso di fronte ai cibi dietetici e sugar free del negozio. Tanto da protestare con una story su Instagram.

«Ho trovato estremamente difficile ordinare un frozen yogurt da The Bigg Chill – scrive Demi – perché devi passare davanti a tonnellate di biscotti sugar free e altri cibi dietetici prima di arrivare alla cassa. Per favore, miglioratevi».

E, a tutto lo sfogo, Demi ha aggiunto l’hashtag #DietCultureVultures. La protesta della cantante non era quindi tanto contro lo store, quanto contro la cultura della dieta. Come ha specificato in un’altra story.

«Penso che continuerò a usare questo hashtag. Continuerò a segnalare messaggi dannosi di brand o aziende che portano avanti una società che non solo permette ma incentiva i disordini alimentari».

La risposta di The Bigg Chill a Demi Lovato

A questo punto, sulla questione è intervenuto però direttamente The Bigg Chill, che in una story ha precisato di offrire «prodotti per i diabetici, per chi è celiaco, vegano». Insomma, The Bigg Chill non si sente un negozio da avvoltoi della dieta. Finita qui? Proprio no.

Perché Demi Lovato, in un’altra story, ha condiviso una conversazione privata con lo shop. «In 36 anni ci siamo sempre preoccupati dei bisogni dei consumatori. – scrive The Bigg Chill a Demi – Ci spiace se hai trovato tutto questo offensivo». Demi replica: «Non è solo questo. Il vostro servizio è stato terribile. Maleducato. L’intera esperienza è stata orrenda. Potete vendere prodotti per alcune persone, curandovi anche dell’altra percentuale dei vostri consumatori che ogni giorno lottano anche solo per mettere un piede nel vostro negozio. Potete trovare un modo per offrire um ambiente invitante per tutti. Anche per chi soffre di disordini alimentari, è una malattia mentale mortale, seconda solo alle overdose di oppio. Non trovate scuse, fate meglio».

Lo store di frozen yogurt The Big Chill, Demi Lovato spiega in un video la faccenda

A dispetto delle buone intenzioni di Demi, tuttavia, in molti sui social hanno criticato l’artista sostenendo che i prodotti sugar free sono in realtà utili per la salute (come è ad esempio il caso dei diabetici). Demi è quindi tornata sulle stories di Instagram proponendo – sempre a mezzo messaggio privato – a The Bigg Chill di specificare che i prodotti vegani e sugar free sono per chi soffre di qualche patologia. «Se non è chiaro, il messaggio è confuso – scrive Demi – e a Los Angeles è difficile distinguere la cultura della dieta dai bisogni dettati dalla salute».

E, in conclusione, sulla sua IGTv Demi ha approfondito la questione.

«Mi spiace di non essermi espressa bene. – dice la cantante – Mi spiace se ho deluso alcune persone. Sono capitata in questa situazione che non mi stava bene. Il mio intuito mi ha detto di parlarne e l’ho fatto».

Nel video – di circa 8 minuti – Demi Lovato ha parlato anche delle sue esperienze e dei suoi disturbi alimentari. La cantante ha raccontato che, avendo sofferto di disturbi alimentari, avrebbe voluto in passato avere vicino persone che le dicessero di non mangiare così tanti cibi dietetici.

«Volevo solo far passare il messaggio, è importante che tutti sappiano che le mie intenzioni non erano quelle di fare bullismo a un piccolo store. Vorrei poter parlare con loro e chiarirmi. Sono dispiaciuta, a volte le emozioni hanno la meglio su di me».

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Demi Lovato (@ddlovato)