Alessandra Celletti torna con ‘Minimal’

Nel nuovo album la pianista romana reinterpreta compositori minimalisti che hanno influenzato il suo percorso artistico. Brani di Arvo Part, John Cage, Philip Glass ed Alan Hovhaness insieme a due preludi inediti della stessa Celletti.
- - Ultimo aggiornamento

A pochi mesi dal progetto video/musicale LOVE ANIMALS, Alessandra Celletti ci regala una nuova chicca. Un album dedicato ai compositori minimalisti che più ama e che  hanno maggiormente  influenzato il suo percorso artistico. L’album s’intitola, appunto, MINIMAL ed è già disponibile su Spotify e su tutte le piattaforme digitali per Double J Music.

In questo nuovo album la musicista romana torna così a cimentarsi con un repertorio a lei molto caro, mettendo insieme autori che lei stessa considera suoi importanti riferimenti: Arvo Part, John Cage, Philip Glass, Alan Hovhaness. D’altronde Alessandra Celletti ha dedicato la sua vita al pianoforte e si è diplomata al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma partendo da una formazione classica, ma con una particolare attenzione alla corrente minimalista.

Notevole, poi, l’attitudine a sperimentare sempre cose nuove, tanto che le sue esperienze si moltiplicano con deviazioni interessanti anche nel campo del rock, dell’avanguardia e dell’elettronica. Tantissime le collaborazioni con artisti italiani (da Gianni Maroccolo a Claudio Rocchi, ai Marlene Kuntz, a Franco Battiato) e internazionali (tra cui il mitico Hans Joachim Roedelius, pioniere dell’elettronica tedesca con Brian Eno e i Cluster). Il nuovo album si apre con Fur Alina di Arvo Part, una composizione la cui semplicità disarmante nasconde una profondità ricca di sfumature “magiche”. A seguire delle reinterpretazioni di brani di John Cage caratterizzati da una delicatezza fuori dal tempo: In a Landscape, Dream e A Room per pianoforte preparato. Altro omaggio presente nel disco è Truman Sleeps di Philip Glass, stella polare e fonte d’ispirazione costante per Alessandra Celletti. L’album contiene anche due Preludi inediti della stessa pianista romana che contribuiscono a perpetuare e amplificare le atmosfere incantate dell’intera produzione .