Roberto Saviano su sparatoria a Napoli e naufragio nel Mar Egeo: “Umanità in guerra”

Video
Roberto Saviano interviene a Che Tempo Che Fa, commentando la recente sparatoria a Napoli, in cui è rimasta ferita una bambina, e il naufragio nel Mar Egeo.
loading

Ospite a Che Tempo Che Fa di Fabio Fazio su Rai1, Roberto Saviano ha commentato i recenti fatti di cronaca. La sparatoria di Napoli, che ha avuto come vittime dei bambini, e il naufragio nel Mar Egeo.

“È un’umanità in guerra la bambina ferita a Napoli perché in quel territorio i camorristi si sparano come in guerra, cioè non c’è limite, non c’è nulla che possa frenarli e bisogna colpire per non essere colpiti. – commenta Saviano in collegamento – Quei proiettili non sono partiti per sbaglio. Quando stai sparando stai già mettendo in conto che il proiettile possa colpire un innocente”.

LEGGI ANCHE: Salvini contro Fazio: “Se dovessi arricchirmi lavorando meno nella prossima vita farei il Fabio Fazio”

Quei proiettili non sono partiti per sbaglio. Quando stai sparando stai già mettendo in conto che il proiettile possa colpire un innocente

Roberto Saviano

Saviano ha poi aggiunto: “Chi muore in mare sta scappando sperando in una vita migliore. Sono le stesse logiche di guerra e mostrano che non siamo isolati. Non si può pensare di chiudersi e dare priorità alle nostre vicende perché le nostre vicende sono spesso identiche a quelle di chi sta scappando. C’è una disperazione simile che nasce dall’assenza di lavoro e dalla propaganda. La priorità non è neanche portare l’esercito in questi territori. Gli eserciti servono quando c’è un progetto. Ci raccontano che gli immigrati arrivano a rubare il lavoro, raccontano che portano criminalità, ma ogni singolo spacciatore, africano o slavo, di qualsiasi organizzazione, risponde alle mafie italiane”.

Grazia Cicciotti

Grazia Cicciotti

Giornalista, serialista, divanista.

REVENEWS on SPOTIFY