Musica contro le mafie: cento artisti e il cambiamento in ‘Change Your Step’

Il progetto Musica contro le mafie diventa un libro cross-mediale che coinvolge cento artisti italiani chiamati a raccontare che cosa significhi il cambiamento.

Dai 99 Posse a The Zen Circus, da Fiorella Mannoia a Paolo Benvegnù passando per Clementino, Diodato, Erica Mou, Marlene Kuntz, Giovanni Caccamo, Giorgio Faletti e tanti altri. Sono cento gli artisti che firmano Change You Step, libro cross-mediale del progetto Musica contro le mafie. E nelle oltre duecento pagine del volumetto ogni penna è stata chiamata a definire il proprio concetto di cambiamento, creando così un quadro corale di voci e pensieri.

A guidare e tirare le fila del progetto è Gennaro de Rosa, presidente dell’associazione Musica contro le mafie che opera nell’alveo di Libera. Change You Step. 100 artisti. Le parole del cambiamento (Rubbettino Editore) vuole essere il contributo per una riflessione inedita e collettiva sulla società di oggi e su quello che potrebbe diventare.

LEGGI ANCHE: Mimmo Lucano: “Messaggio umano significa normalità e uguaglianza”, l’intervista integrale

Tre le parole chiave che ogni artista ha regalato in questo libro, scelte per esprimere un’opinione e stimolare la volontà di cambiare le cose partendo dalla coscienza personale. E la scelta dei cento nomi coinvolti è stata fatta sulla base delle loro canzoni più impegnate in questa direzione per “disegnare orizzonti possibili di condivisione nel segno del fare insieme.

È musica contro le mafie che si ispira al principio della conoscenza, come via maestra per il cambiamento.

Così si legge nella scheda libro, quasi un motto che guida il progetto intero. La musica, dunque, fa da tessuto culturale che attraverso la memoria può contribuire a un modello che si opponga alla “globalizzazione delle cattive idee”.

Questo secondo progetto editoriale firmato da Musica contro le mafie vede una prima introduzione di Don Luigi Ciotti e, a seguire, tre prefazioni di approfondimento (di Marcello Ravveduto, professore all’Università di Salerno; Angela Calvini, giornalista di Avvenire e Gennaro de Rosa).

E oltre alle pagine cartacee, Change Your Step si apre a una lettura aumentata grazie ai contenuto digitali accessibili via mobile attraverso il QRcode abbinato a ciascun artista. Infine, tutti i proventi dalle vendite saranno utilizzati per realizzare sale prova per giovani a rischio e laboratori musicali.

Paola Maria Farina

Musica, libri, varie ed eventuali. In tasca una laurea in Lettere/Filologia Moderna.