Fumè: «Com’è possibile che non ci godiamo ciò che abbiamo davanti?»

Si intitola 'Ring' il nuovo singolo di Fumè, il cantautore "per le mancanze" che dà inizio a un nuovo capitolo discografico.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Si intitola Ring il nuovo singolo di Fumè, il primo del suo nuovo capitolo discografico sotto Warner Music. Eppure, il cantautore sottolinea che nulla è cambiato nella sua penna da X AMORE, l’album precedente.

«Sicuramente è un nuovo inizio, perché sono stato fermo un anno. – ci racconta – Però fa parte di qualcosa di interconnesso. Il mio primo disco, X AMORE, indirettamente è collegato allo stesso messaggio. Accorgersi delle cose quando non ci sono più. Quando mi dicono di essere felice non riesco. Quando c’è la sofferenza riesco ad essere vero, ed è necessità. Per me è fondamentale la verità. La produzione non combacia con il commercial, si basa sul silenzio e qualcosa di cinematico. Credo che così possa rimanere per sempre».

LEGGI ANCHE: Beatrice Venezi: «Le donne che si ribellano ai dettami della società spaventano, anche oggi»

E così Ring conferma la definizione di Fumè come cantautore per le mancanze. Merito non solo del testo, ma anche della produzione di DOD.

«Abbiamo fatto tutto per amore e non con l’intento di vendere miliardi di copie. Dovevo liberarmi di un dolore, e spero che gli altri si possano ritrovare. Com’è possibile che non ci godiamo ciò che abbiamo davanti? Facciamolo ora, così non stiamo male dopo».

Un talento – «più una fortuna», spiega Fumè – la capacità di scrivere di «ciò che vivo». Perché «il sentimento è totale, anche nell’amicizia. Non mi piace la solitudine, ma neanche il senso di positività forzato».