Marina Loi e Flavia Triggiani autrici di Lady Gucci: «Abbiamo scoperto una donna complessa e luminosa»

Amiche e colleghe: Marina Loi e Flavia Triggiani sono le autrici del docufilm Lady Gucci e la dimostrazione che il girl power ha una marcia in più. Intervista
- - Ultimo aggiornamento
loading

Giornaliste, autrici, registe, amiche: sono Marina Loi e Flavia Triggiani. Tra i loro ultimi lavori la serie Detectives su Rai 2 e il docufilm Lady Gucci. Un’opera questa, in cui Patrizia Reggiani si racconta con grande onestà, in un momento in cui l’omicidio Gucci è tornato alla ribalta vista l’imminente uscita del film diretto da Ridley Scott.

«Abbiamo scoperto una donna complessa, eclettica e luminosa – raccontano le autrici nella nostra intervista – Che ha pagato fino alla fine il suo debito con la giustizia».

Marina Loi e Flavia Triggiani autrici di Lady Gucci: «Abbiamo scoperto una donna complessa e luminosa»

Un lavoro, nato dalla voglia di proporre al pubblico un punto di vista diverso su un fatto di cronaca e su un personaggio molto conosciuto. L’omicidio Gucci è stato raccontato molte volte, ma Patrizia Reggiani – la mandante di quel delitto – non si era mai esposta, non si era mai raccontata.

«Volevamo che raccontasse il suo punto di vista, volevamo capire se e come il carcere l’avesse cambiata – spiega Flavia Triggiani – All’inizio questa è stata una difficoltà: farle capire che noi volevamo realizzare un lavoro in cui lei si raccontasse nel profondo, e mostrare agli spettatori il suo punto di vista».

Una donna vera, diretta, sincera: questa è la Lady Gucci che si sono trovate davanti che ha parlato di se dell’amore per suo marito e dell’odio che l’ha portata a compiere quel gesto estremo.

«Sebbene il punto di vista del regista o dell’autore in qualche modo ci sia sempre, quando affrontiamo temi come questo cerchiamo di tener presente tutti i lati della storia anche quelli che sono rimasti ancora un po’ in ombra e che devono essere mostrati. – racconta Marina Loi – Diventiamo una sorta di investigatori».

La passione per il crime in Detectives su Rai 2

Tema quello del crime e delle investigazioni che le ha viste coinvolte anche nella realizzazione di Detectives, la serie in 6 episodi in onda su Rai2 in seconda serata, in cui Giuseppe Rinaldi ripercorre alcuni casi giudiziari risolti e irrisolti. Una serie che vede la collaborazione della Polizia di Stato e in cui i protagonisti del racconto  sono i “detectives” che hanno seguito in prima persona i casi di cronaca nera.

Triggiani e Loi: anche le donne sanno fare squadra

Una squadra solida e forte quella formata da Triggiani e Loi, colleghe ma anche amiche nella vita; un sodalizio che va avanti da oltre 10 anni a dimostrazione che anche tra donne è possibile fare squadra.

«Molte persone si stupiscono che non ci sia rivalità, gelosie tra noi – racconta nella nostra intervista Marina Loi – Ma noi ci completiamo, abbiamo trovato in questo una forza incredibile che desta stupore in molti. Perché abbiamo un fuoco dentro e la forza di due diventa poi esponenziale».

«Ci compensiamo, è vero – risponde Triggiani – Dall’organizzazione del lavoro, al pensiero. Ci incastriamo perfettamente ed è bellissimo perché non siamo solo colleghe ma anche amiche e so che non è facile trovare un connubio così, magico. E poi passano gli anni più diventiamo complementari».

Lo sguardo è al futuro e le vede già all’opera su diversi progetti: tre documentari per l’esattezza di cui firmeranno anche la regia. Uno di questi tratterà la triste storia della Uno bianca.

«Una storia che è conclusa sì, ma che ha ancora molte finestre da poter aprire. – racconta Loi – Anche in questo caso, faremo un documentario storico quindi seguiremo gli atti e la verità processuale, ma questo non ci impedisce di aprire delle finestre sui dubbi che ci sono ancora».

Crediti foto@kikapress