Giaime racconta ‘Figlio Maschio’: «Non mi sono dato limiti»

Giaime ci racconta il nuovo album 'Figlio Maschio', in uscita venerdì 28 maggio. Un progetto ricco di generi e di mood.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Si intitola Figlio Maschio il nuovo album di Giaime, in uscita venerdì 28 maggio per Epic/Sony Music Italy). Il disco vede le collaborazioni di Chadia Rodriguez, Guè Pequeno, Jake La Furia, Nashley e Rose Villain, e contiene anche il brano Quando, in rotazione radiofonica sempre da venerdì.

«Oggi ho ricevuto la copia fisica. Devo ancora realizzare. – ci dice Giaime – È una forte emozione che sta salendo. Non mi sono dato limiti, ho lavorato in maniera spensierata. Non è certo un album fatto in un lampo, ma tutto ha avuto il suo scorrere. Me la sono goduta».

Iniziato ad agosto 2020 e concluso sette mesi dopo, Figlio Maschio rappresenta di fatto l’essenza di Giaime. Dal titolo che riflette la sua condizione personale, in quanto unico figlio maschio dei genitori, ai 14 brani, ricchi di generi e mood diversi.

In Quando, ad esempio, Giaime si confronta con il reggaeton grazie alla produzione degli abruzzesi The Ceasars.

«Quando è un tentativo di reggaeton. È sempre una scommessa. – dice Giaime – Si finisce spesso nello scimmiottare, soprattutto in questo genere. I The Caesars sono producer abruzzesi e per me è una figata. Ci conosciamo da tanto, ma non ci avevo mai lavorato».

In Mamma (scusa se) l’ispirazione di Giaime è stata invece più Bad Bunny. «La mia più grande paura era spingermi oltre e non farlo in maniera credibile» ci dice infatti il rapper.

«Figlio Maschio è un disco fatto con le mie totali decisioni. Non volevo impormi nulla e non farmi troppo influenzare dagli altri, ma sentire ciò che volevo comunicare. Ho chiesto pareri, ma ho sempre preso io le mie decisioni. Il risultato mi piace».