Dario Vero ‘The Inglorious Serfs’: «Ho fuso il classico con i suoni orientali»

Si intitola 'The Inglorious Serfs' ed è il nuovo Sushi Spaghetti Western, la cui colonna sonora è firmata dall'italiano Dario Vero. La nostra intervista
- - Ultimo aggiornamento
loading

L’11 Gennaio è uscita la colonna sonora di The Inglorious Serfs firmata da Dario Vero. Il film diretto da Roman Perfilyev e prodotto da Star Media e Krist Film è un esempio del nuovo Sushi Spaghetti Western: un melting pot cinematografico e musicale, ispirato alla grande tradizione italiana, realizzato tra Est Europa, Giappone, Medio Oriente e Stati Uniti.

«È stata una grande sfida, ed è stato molto divertente. – Ha raccontato il compositore Dario Vero nella nostra intervista –  L’idea era quella di costruire, di disegnare quasi dei suoni e delle sonorità nuove utilizzando tutti i suoni tipici della tradizione classica della nostra cultura orchestrale europea che di quella giapponese»

Dario Vero ‘The Inglorious Serfs’: «Ho fuso il classico con i suoni orientali»

Leggi anche:>> Nightwish, l’addio di Marko Hietala: «Disilluso dal mondo della musica»

All’interno della formazione classica dell’orchestra, Dario Vero ha inserito un’ampio gruppo di percussioni tra cui gli elementi della tradizione giapponese: Koto, Shakuhachi, Taiko, Erhu, temple block, Tsuzumi e altre percussioni + un Hurdy Gurdy Ukraino. Un’impresa una sfida titanica, visto il dover fare i conti anche con la pandemia in corso e dovendo così in parte dirigere l’orchestra a distanza.

«Come si costruisce una colonna sonora del genere? – spiega il compositore -Senza ombra di dubbio miscelando i suoni, trovando lo spazio all’interno della partitura per poter accogliere un suono come quello del tamburo Taiko o come quello dell’Erhu o dei tanti altri strumenti orientali e giapponesi che non sono facili da inserire all’interno della culla dell’orchestra, del suono rotondo dell’orchestra”

All’interno di questa orchestra di 88 elementi, un’ospite d’eccezione: Tina Guo, violoncellista di Sherlock Holmes, Wonder Woman, Inception e altri grandi kolossal d’oltreoceano degli ultimi 20 anni.

The Inglorious Serfs la trama del nuovo Sushi Spaghetti Western

The Ingloriuos Serfs è una fantasiosa rivisitazione della storia di Taras Schevchenko, il più influente poeta Ukraino. Nel film Taras per riprendersi la sua amata e ritrovare la fiducia in se stesso imparerà l’arte della katana da un samurai giapponese, fuggito dall’oriente in cerca di vendetta. Nel viaggio incontreranno un venditore di armi ebreo. La combriccola affronterà ogni difficolta e si cimenterà tra di loro una solida e sincera l’amicizia. The Ingloriuos Serf è forse il più significativo esempio di Sushi Spaghetti Western. Ha tutte le dinamiche e i paradigmi, anche visivi, del western ma al suo interno non troviamo volti messicani o nativi americani, bensì ninja e samurai, tra stunt man ed effetti speciali, con molto action e riprese mozzafiato.

Tra colonne sonore e musica per gaming

Compositore, orchestratore e direttore d’orchestra, Dario Vero scrive non solo musica per film ma anche per videogame.

«Scrivere per colonna sonora significa scrivere per immagini scrivere per intrattenere chi usufruisce di queste immagini il videogame e tutta un’altra storia. La musica deve sempre accompagnare il player nel migliore dei modi, devi interagire con quella che è l’azione e il gaming. E’ una grande sfida!»

Vi lasciamo alla nostra intervista con Dario Vero ricordandovi che la colonna sonora di The Inglorious Serfs è disponibile su iTunes e i digital stores.

Crediti foto@Ufficio Stampa HF4