Michele Merlo, il videomessaggio dell’artista e le parole dei genitori: «Una vita di silenzi, di sogni potenti»

Per l’ultimo saluto al giovane Michele Merlo, i genitori diffondono un video con un messaggio toccante del figlio. Ecco le sue parole.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Nel giorno dell’ultimo saluto al giovane Michele Merlo, a cui una leucemia fulminante improvvisa non ha lasciato scampo, i genitori rilasciano una dichiarazione. E si rivolgono a tutti per un momento di partecipazione collettiva. “Abbiamo, sino ad oggi, comunicato per lo più attraverso i nostri consulenti e legali”, esordiscono Katia e Domenico merlo nella loro lettera. “Continueranno a farlo di nuovo da domani, tranne qualche piccolo sfogo da genitori sofferenti e provati da un immenso dolore che sappiamo già non avrà mai fine. Ma oggi vogliamo parlare noi, vogliamo consegnare, io e Katia, mia moglie, una preghiera a tutti voi…”

Michele è nostro figlio ma è anche il vostro artista, l’artista molte volte incompreso e da alcuni dimenticato, l’artista con dentro un tormento di emozioni che ha saputo sfogare con le sue canzoni, perché solo così sentiva di essere Michele. Per prima cosa vogliamo ringraziare tutti, senza tralasciare nessuno, in particolare voi che darete voce a Michele per sempre”.

Ma ecco il cuore delle parole dei genitori che hanno fatto pervenire un messaggio di Michele Merlo di cui condividiamo testo e video.

LEGGI ANCHE: I genitori di Michele Merlo presentano denuncia per chiedere ulteriori indagini

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Michele Merlo (@michelemerlo)

Michele Merlo, il testo del videomessaggio: «La felicità non è niente per chi è sempre stato senza»

Abbiamo il cuore stanco di chi la vita l’ha rincorsa, di chi ha detto un sacco di bugie, perché per dire la verità ci voleva forza.

Siamo quelli del parchetto, tra botte e sigarette, con gli occhi lucidi, che si raccontano qualche vecchia storia; come una canzone triste, mentre gli altri fan baldoria.

Una vita di silenzi, di sogni potenti, di non sentirsi mai abbastanza; porta pazienza.

Ma come glielo spieghi a quelli che la felicità non è niente per chi è sempre stato senza.

Dai! Dimmi che sono un tipo triste adesso!

Ma io triste lo sono diventato e vorrei chiudermi in una scatola che almeno al buio non lo vedo quanto è cattivo questo mondo malato.

E quante volte ho detto giuro sono cambiato e non ero cambiato affatto, ero soltanto più impaurito.

Paura di perdere pure l’ultima persona a me vicina che va***o se ne vanno tutti appena la vita va un po’ in salita.

Ma funziona così, se ne va uno, se ne va un altro e ti ritrovi solo, con i pugni nelle mani e i sogni tra gli scaffali. A dire domani… domani… lo faccio domani… domani.

Io sto con quelli che ci credono davvero, che ogni giorno fanno a botte con le nuvole per un po’ di cielo sereno. E chiamaci stupidi.

E un giorno troveremo pure pace, e sarà più semplice di quello che crediamo; basterà accettare il buio e non volere per forza sempre luce.

Ho paura dell’amore e non del resto; ma non mi lascio perdere perché il mio sogno è questo, anche se fa un sacco male.

Viviamo, ricordiamo, soffriamo; per sempre, come rondini nel temporale.

Michele Merlo

Merlo De Filippi
Red Communication

Foto da Ufficio Stampa Safe And Sound / Red Communication