I CMON esordiscono per Mexican Summer (distr. Goodfellas)

Il duo, fra i nomi più interessanti della nuova scena indipendente californiana, dà alle stampe il caleidoscopico album “Confusing Mix of Nations” (in uscita ad aprile) fra dance, elettronica, indie rock e pop
- - Ultimo aggiornamento
I CMON esordiscono per Mexican Summer (distr. Goodfellas)

CMON è il nuovo progetto discografico di Josh da Costa e Jamen Whitelock  nato sulle ceneri dei Regal Regal, uno dei nomi più interessanti della scena DIY di New York. “Avevamo il nostro piccolo mondo ed era come se fossimo uomini delle caverne rannicchiati attorno a questo fuoco che solo noi abbiamo davvero capito – dice Costa- alla fine stavamo proteggendo questa cosa, come se fosse il nostro segreto  C’è tanta gioia nell’andare a ballare e ciò manca completamente in molti posti, specialmente a New York. Nessuno vuole muoversi, tutti sono troppo imbarazzati. Ma quando vai al club, ci sono tutti dentro: vuoi solo ballare, e questo è tutto ciò che conta”.

La promessa di liberazione fisica che derivava dalla musica da ballo parlava a voce alta sia a Costa che a Whitelock. In seguito allo scioglimento di Regal Degal hanno applicato le atmosfere cupe e l’anima malinconica della loro vecchia band alla fisicità del ritmo a quattro  ed a  sonorità  di chitarre levigate, prendendo gli spunti di produzione da EBM e AOR. L’album risultante, Confusing Mix of Nations (in uscita ad aprile per Mexican Summer/Goodfellas), è stato registrato in numerosi piccoli studi privati di Los Angeles e prodotto interamente da Costa, mentre lui e Whitelock hanno imparato a manipolare al volo sintetizzatori e  piattaforme . Hanno preso il loro nuovo nome da un divisore di sezioni in uno spazio di archiviazione in cui una volta lavorava il loro compagno di band Regal Degal Josiah Wolfson. “C’era una sezione di musica mondiale chiamata” Confusing Mix of Nations “, dice da Costa. “Preso alla lettera, ci riassume perfettamente. Sono nato a New York e parzialmente cresciuto a Bruxelles da genitori provenienti dai Caraibi, mentre la maggior parte della mia famiglia vive ad Amsterdam e Jamen è metà taiwanese di Miami.

”Ognuna delle dieci tracce di Confusing Mix of Nations sembra una cartolina da un territorio in cui vale la pena tornare. L’apertura “Coo” con groove bloccati che ricordano Drugdealer o Mild High Club fino a quando, improvvisamente, si lascia andare ad un ritmo da pista. Più atmosferico il bellissimo singolo “Zoo“. Peter Pan” è sulla strada di Sandinista nei versi, poi si illumina di romanticismo nel coro. I fan del pop su “Good to Know” possono scatenarsi come fossero ad un festival anche se, al centro della canzone, sopraggiungono note decisamente più tristi. “Quando mi sono trasferito a New York, molte persone stavano facendo musica elettronica davvero interessante e manipolando suoni, ed ero davvero un po ‘sconvolto: non c’erano canzoni. E volevo davvero ascoltare le canzoni “, afferma Costa. Ecco cosa hanno fatto lui e Whitelock: una raccolta di canzoni che non disdegnano la dance, ti invitano a muoverti. È un album pop che vede il pop come uno stato d’animo, non solamente un volano commerciale. Alla fine, che è in realtà un nuovo inizio, da Costa e Whitelock sono diventati più maturi ed in grado di correggere alcuni lati meno centrati della loro creatività. Confusing Mix of Nations è il positivo risultato  di questo processo artistico.