Speranza, ‘Welcome To Favelas’ è il nuovo singolo: il testo della canzone

Si intitola ‘Welcome To Favelas’ il singolo con cui il rapper italo-francese Speranza debutta con Sony Music. Ecco il testo e l’audio della canzone.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Nuovo singolo per Speranza, il rapper italo-francese che nello scorso giugno è entrato nel roster di Sony Music/Epic Records. L’esordio ufficiale con la label è segnato da Welcome To Favelas, brano prodotto da Don Joe disponibile in digitale da venerdì 20 gennaio. La traccia segna il ritorno alle scene musicali da parte dell’artista  dopo il successo dell’album di debutto ‘L’ultimo a morire’ (2020).

Speranza
Foto di Roberto Graziano Moro da Ufficio Stampa

Padre italiano e madre francese, con questo singolo Speranza porta l’ascoltatore direttamente nel mondo che lo ha visto crescere. Le strade sono quelle della banlieue di Behren-lès-Forbach, cittadina operaia francese al confine con la Germania. Le storie della piazza diventano, così, versi che raccontano il mondo dei quartieri disagiati attraverso rime dure che restituiscono l’impeto del vissuto.

La rabbia e la tensione del testo si appoggiano su una produzione altrettanto veemente, uno sfogo in piena regola. Perché, dice Speranza a chiare lettere, non ho niente da perdere in una realtà che è quella dei ghetti urbani a qualsiasi latitudine. In Francia e in Italia come in Brasile.

“Welcome To Favelas fuori venerdì. Questa è la prima sciacquata di faccia. Accomodatevi”, scrive Speranza sui social.

LEGGI ANCHE: — Tropea: «Presto nuova musica. Ambra? È stata fondamentale»

Speranza: il testo di ‘Welcome To Favelas’

Non siamo stranieri ma alieni
La cité mi chiama talieni
Andiamo rubare nei treni
Ti gratti la fessa a Miami
Salutai l’amico Fritz
Erano le quattro
Alle sette era morto
Zero, otto, due re
Chiusa una porta
Si apre col piede di porco
(Clan)
Quale guerra dei vicoli
Se m’incazzo mi prendo Tripoli
Resto nel perimetro a fumare polline
(Uff! Uff!) (Clan)
Case, case, caserta-ra-ta-ta
Mili, mili, mili, milanese
Come Walid io c’ho in mano la situa§
Frat’ a me già sai
(Clan)
Io non ho niente da perdere
(Clan)
Prima la davano in capsule
(Clan)
Io mi adeguo, tu rimani muto
Bracciale alla caviglia
Sono detenuto
(Clan)

Pensa se perdo la calma mo
Entro in un negozio e poi faccio bang!
Pensa se vendo il fucile a un altro
Mi canta e pó jamme ‘nda stessa cella
Welcome to favelas
buonasé
Welcome to favelas
buonasé
Welcome to favelas
buonasé
Welcome to favelas
buonasé

Pensa se perdo la calma mo
Entro in un negozio e poi faccio bang!
Pensa se vendo il fucile a un altro
Mi canta e pó jamme ‘nda stessa cella
Welcome to favelas
buonasé
Welcome to favelas
buonasé
Welcome to favelas
buonasé
Welcome to favelas
buonasé

Rappi da vent’anni
Levati dal cazzo
Ai nuovi devi fare spazio
Pezzi di crack a terra come i puzzle
Mentalità kamikaze
Giuriamo amicizia nei rituali
Subito faccio arrivo in Lituania
Cambio di cella per cambiare aria
Voti di scambio
Welcome in Campania
Vendiamo neve per un posto al sole
Sono popolare come la mia zona
Non fare il padrino vicino al padrone
Non fare zahma, non fare zahma
La mia zingara non è puttana
La mia zingara è una Di Silvio
Castelvolturno sembra la Tanzania
Gang! Frà ti do un consiglio
Fammi l’articolo che me ne vado, khey
(Clan)
Statti al poligono senó si fà sul serio
(Clan)
Praticante, delinquente
A cumanamm’ nuje
(Clan)
Nique ta daronne
Vedo lampeggiare nei momenti bui

Pensa se perdo la calma mo
Entro in un negozio e poi faccio bang!
Pensa se vendo il fucile a un altro
Mi canta e pó jamme ‘nda stessa cella
Welcome to favelas
buonasé
Welcome to favelas
buonasé
Welcome to favelas
buonasé
Welcome to favelas
buonasé

Pensa se perdo la calma mo
Entro in un negozio e poi faccio bang!
Pensa se vendo il fucile a un altro
Mi canta e pó jamme ‘nda stessa cella
Welcome to favelas
buonasé
Welcome to favelas
buonasé
Welcome to favelas
buonasé
Welcome to favelas
buonasé

Foto di Roberto Graziano Moro da Ufficio Stampa BlaLuca Press