My Generation: prossimi protagonisti Africa Unite

La band piemontese, in onda sabato 19 marzo alle 20.15 su Sky Arte nel programma musicale dedicato alle band italiane degli anni ‘90, è una fra le realtà più rappresentative del panorama reggae nazionale
-
My Generation: prossimi protagonisti Africa Unite

Sono gli AFRICA UNITE i protagonisti della nuova puntata di “MY GENERATION”, il programma musicale dedicato alle band degli anni ‘90, in onda su Sky Arte. La puntata a loro dedicata andrà in onda il 19 marzo alle ore 20.15 su Sky Arte (canali 120 e 400) e sarà anche disponibile on demand e in streaming su NOW. 

Tra le band più rappresentative del panorama reggae in Italia, gli AFRICA UNITE hanno espresso con inusuale costanza un livello musicale altissimo, la cui matrice è un reggae di prim’ordine. Il gruppo nasce nel 1981 e raccoglie i primi consensi di critica e pubblico con il mini album “Mjekrari” (1987) a cui fanno seguito lavori come “Llaka”, “People Pie” e “Babilonia e Poesia”, con cui la band arriva a suonare anche al Babylon International in Iraq. È del 2015 il loro disco di inediti più recente, intitolato “Il punto di partenza”. A maggio 2021 esce una riedizione del celebre “People Pie”, risuonato dalla nuova formazione.

LEGGI ANCHE : – Enrico Ruggeri fa ‘La Rivoluzione’: «Il suono è il Santo Graal del musicista»

My Generation è il nuovo format realizzato in esclusiva per Sky Arte dedicato alla musica: un programma di Max De Carolis e Fabio Luzietti scritto con Martina Riva e Margherita Bordino, prodotto da Erma Pictures. Un racconto in 10 puntate che fotografa uno dei momenti più importanti della storia musicale del nostro paese: un viaggio negli anni ’90, attraverso dieci documentari dedicati ad altrettante band che hanno caratterizzato la scena indipendente italiana.

Protagonisti della prima stagione di “My Generation” sono: Negrita, Almamegretta, Timoria, Virginiana Miller, Africa Unite, Massimo Volume, Modena City Ramblers, La Crus, Marlene Kuntz, Perturbazione. Con un approccio narrativo che rende queste puntate monografiche dei veri e propri documentari, le band ripercorrono il proprio percorso attraverso una lunga intervista, realizzando dal vivo in studio alcuni dei brani più rappresentativi della loro carriera.

Ogni puntata è impreziosita da foto e video inediti. La ricostruzione è arricchita dagli interventi di chi, quegli anni, li ha vissuti in prima persona: giornalisti, fotografi, discografici e figure chiave del mondo dello spettacolo. Gli interventi sono di: Daniela Amenta, Ernesto Assante, Giulia Cavaliere, Valerio Corzani, Luca De Gennaro, Paolo Dossena, Luca Fantacone, Luca Fornari, Federico Guglielmi, Fabio Lovino, Pasquale Modica, Violante Placido, Fabrizio Rioda, Claudio Santamaria, Stefano Senardi, Valerio Soave, John Vignola, Vito War.

LEGGI ANCHE : – Paolo Nutini in concerto in Italia dopo sette anni

Gli anni ’90 hanno rappresentato per il nostro paese un periodo davvero interessante e rivoluzionario, che merita di essere ricordato. Sono gli anni dell’affermazione dei network televisivi musicali, dell’arrivo di internet su larga scala e della nascita dei new media che riuscirono a portare in evidenza un panorama musicale rimasto, almeno fino a quel momento, confinato in una scena underground frequentata per lo più da un pubblico di nicchia.

Una vera e propria rivoluzione che vide la rapida ascesa di gruppi come Marlene Kuntz, Timoria, Negrita, La Crus, Almamegretta, Modena City Ramblers e molti altri che riuscirono ad avvicinare una platea generalista verso sonorità più moderne e meno omologate. “My Generation” è un programma di Max De Carolis e Fabio Luzietti scritto con Martina Riva e Margherita Bordino, prodotto da Erma Pictures in collaborazione con Cinecittà, ATCL e Spazio Rossellini.

Calendario puntate

  • 19 febbraio NEGRITA
  • 26 febbraio ALMAMEGRETTA
  • 05 marzo TIMORIA
  • 12 marzo VIRGINIANA MILLER
  • 19 marzo AFRICA UNITE
  • 26 marzo MASSIMO VOLUME
  • 02 aprile MODENA CITY RAMBLERS
  • 09 aprile LA CRUS
  • 16 aprile MARLENE KUNTZ
  • 23 aprile PERTURBAZIONE

Foto da Ufficio Stampa Big Time