Billie Eilish: «Il porno mi ha distrutto il cervello»

La cantante confessa la dipendenza, iniziata all'età di 11 anni, dai filmati a luci rosse
- - Ultimo aggiornamento
loading

Si dice che Pornhub abbia più visualizzazioni di Netflix, questo significa che sono tante le persone che si concedono un po’ di distrazione con i filmati a luci rosse. E non siamo solo noi comuni mortali a divertirci su questi siti, anche vip insospettabili sono, o sono stati, assidui frequentatori. Tra di loro Billie Eilish. Incredibile a dirsi, vero?

LEGGI ANCHE: Mel B e la battuta sul sex toy censurata nello show di Adele

Billie Eilish e la dipendenza dal porno

La cantante vincitrice di un Grammy ha parlato di una vera e propria dipendenza dal guardare filmati porno a partire dall’età di 11 anni. Un’abitudine che, come da lei stessa rivelato all’Howard Stern Show su Sirius XM Radio, l’ha portata ad avere incubi e le ha procurato problemi quando ha iniziato ad avere delle frequentazioni.

“Penso che il porno sia una vergogna. Guardavo un sacco di porno, a dire il vero. Ho iniziato a guardare il porno quando avevo, tipo, 11 anni”, ha dichiarato Billie Eilish. Inizialmente questa abitudine l’aveva aiutata a sentirsi cool, ma poi qualcosa è cambiato. “Penso che mi abbia davvero distrutto il cervello e mi sento incredibilmente devastata dal fatto di essere stata esposta a così tanto porno”, ha aggiunto, dicendo di aver sofferto di incubi perché alcuni dei contenuti che guardava erano così violenti e offensivi.

Il porno entra anche nella sua musica, dal momento che in Male Fantasy, brano contenuto nel suo ultimo album Happier Than Ever, l’artista canta di essere a casa da sola e di distrarsi con la pornografia mentre ricorda una relazione interrotta. Oggi Billie Eilish si dice arrabbiata con se stessa per aver pensato che guardare così tanti porno fosse una cosa giusta. “Le prime volte che, sai, ho fatto sesso, non dicevo di no a cose che non andavano bene. Era perché pensavo che fosse quello da cui avrei dovuto essere attratta”, ha detto.

LEGGI ANCHE: Billie Eilish, ‘Your Power’ e l’invito a «non abusare del tuo potere»: il testo

La fama e il rapporto con gli altri

Billie Eilish, che all’inizio della sua carriera indossava abiti larghi per impedire alle persone di commentare il suo corpo, è diventata la persona più giovane della storia a vincere i più ambiti premi dei Grammy Awards nello stesso anno quando ha portato a casa le statuette per il nuovo artista, album, registrazione e canzone dell’anno nel 2020 all’età di 18 anni.

Eppure la fama le ha reso difficile rapportarsi con gli altri. “È davvero difficile incontrare persone quando, sai, le persone sono terrorizzate da te o pensano che tu sia fuori dalla loro portata”, ha detto Eilish a Stern.

Foto: Kikapress