Madame e Sangiovanni sul red carpet della Festa del Cinema di Roma: «Caterina Caselli? Un punto di riferimento»

In occasione della presentazione a Roma del documentario su Caterina Caselli, incontriamo Madame e Sangiovanni sul red carpet.
- - Ultimo aggiornamento
loading

In occasione della presentazione alla XVI Festa del Cinema di Roma del documentario Caterina Caselli – Una vita, Cento Vite, hanno sfilato sul red carpet anche Sangiovanni e Madame. Il documentario sulla vita di Caterina Caselli è diretto da Renato De Maria. Sarà distribuito nelle sale da Nexo Digital solo il 13, 14, 15 dicembre 2021.

Il documentario è prodotto da Sugar Play in collaborazione con Rai Cinema ed è stato scritto da Renato De Maria con Pasquale Plastino. La direzione della fotografia è di Gianfilippo Corticelli, il montaggio di Clelio Benevento.

LEGGI ANCHE: L’estate di Sangiovanni in vetta alle classifiche: «La musica è una grandissima responsabilità»

«Caterina Caselli è colei che mi permette di fare quello che faccio. – ci dice Sangiovanni sul red carpet – E poi è una grandissima donna, ha fatto tantissimo per la musica italiana. Tra le sue canzoni, credo che Nessuno mi può giudicare sia l’emblema».

Madame Caterina Caselli

Il documentario è il racconto in prima persona di Caterina Caselli, che si svela in un dialogo intenso e serrato. Ne emerge la figura di una donna che ha fatto della sua passione per la musica la vocazione di un’intera vita. Alternando aneddoti intimi a testimonianze pubbliche, ne emerge il ritratto di una donna che ha attraversato il tempo e spesso lo ha anticipato, attraverso un percorso esistenziale coraggioso, controcorrente, e una vita che non sempre è stata facile: da artista rivoluzionaria negli anni ’60 a imprenditrice che ha saputo portare la musica italiana nel mondo.

«Caterina Caselli è un punto di riferimento incredibile. – commenta Madame – È la madre dell’etichetta che mi ha scoperta. Non vedo l’ora di vedere questo documentario e sono molto emozionata. Nessuno mi può giudicare la ascolto da quando sono piccola, da quando avevo 2 o 3 anni. I miei genitori mi hanno cresciuto con quel genere di musica italiana».