Alessandra Celletti: nuovo singolo/video

Arrythmyas è la terza traccia che anticipa il prossimo lavoro della pianista, compositrice e cantante romana, intitolato Experience
-
Alessandra Celletti: nuovo singolo/video

Continua il viaggio nella natura e nella musica che ci porterà all’uscita del nuovo album di Alessandra Celletti, Experience. Arrythmyas (distr.Believe) è il terzo, bellissimo singolo/video che anticipa il lavoro completo e, ancora una volta, ci trasporta in una dimensione naturale, quasi fiabesca che, comunque non trascura collegamenti con la realtà quotidiana ed i sentimenti. D’altronde cosa c’è di più vivo dell’acqua di un fiume, con il suo scorrere incessante, i suoi piccoli salti, le sue aritmie? Proprio come un cuore che batte Arrhythmias procede con un ritmo continuo ma talvolta irregolare. Il brano è dedicato ad un verso del poeta friuliano Federico Tavan che esprime nelle sue poesie il proprio disagio mentale: “Quando mi sono innamorato il cuore batteva. Lasciati andare, questo è l’amore”. Il video, girato dal finestrino della macchina in movimento, è costruito con una serie di deformazioni di corsi d’acqua che danno vita a geometrie inusuali nelle quali si intersecano le parole del poeta Tavan. In merito all’album l’artista romana osserva: “Mentre viviamo un periodo sospeso e apparentemente immobile vorrei trasportare l’ascoltatore in riva al fiume, dove tutto scorre e donargli l’esperienza di un’atmosfera incantata e limpida fondendo le note del mio pianoforte con suoni naturali ed echi elettronici”. Alessandra Celletti ha dedicato la sua vita al pianoforte, diplomandosi al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma. Parte quindi da una formazione classica ma chi la conosce un po’ di più sa quanto sia grande anche l’attitudine a sperimentare sempre cose nuove, tanto che le sue esperienze si moltiplicano con deviazioni interessanti anche nel campo del rock, dell’avanguardia e dell’elettronica. Tantissime le collaborazioni con artisti italiani (da Gianni Maroccolo a Claudio Rocchi, ai Marlene Kuntz, a Franco Battiato) e internazionali. Fra quest’ultimi il mitico Hans Joachim Roedelius, pioniere dell’elettronica tedesca con i Cluster e insieme a Dieter Moebius  e  Conrad Schnitzler

http://www.alessandracelletti.com