‘Psychodonna’, l’album di Rachele Bastreghi: «Un canto necessariamente libero»

Uscirà il 30 aprile 'Psychodonna', il primo e vero album d’esordio da solista di Rachele Bastreghi. Ecco come lo descrive la cantautrice.
-
‘Psychodonna’, l’album di Rachele Bastreghi: «Un canto necessariamente libero»

Dopo l’ep Marie, Rachele Bastreghi pubblica il suo primo e vero album d’esordio da solista. PSYCHODONNA, questo il titolo del nuovo lavoro in uscita il 30 aprile, è il racconto di un viaggio interiore, «un rifugio buio che cerca il sole».

Il titolo esprime la personalità sfaccettata e apparentemente contrastante della cantautrice che con queste canzoni compie una sorta di autoanalisi, attraverso quello che lei stessa definisce «un volo intimo e faticosamente libero» nella dimensione femminile.

LEGGI ANCHE: Angelica: live streaming il 31 marzo

«È un viaggio fatto di fuori orario, di luna e isolamento, di poesia e distorsione, di breakdance e disperazione, di albe illuminate e risvegli caotici. È un canto necessariamente libero, fatto di controsensi, di mille domande e poche risposte, di amore e sgomento, di dolcezza e nervi. È il delirio. È l’umanità. È un ballo consapevole e liberatorio nel fango. È la musica di una nuova possibilità. La mia».

Scritto e lavorato nel corso degli ultimi due anni e coprodotto dalla stessa Rachele insieme a Mario Conte, l’album uscirà in digitale, in formato cd ed LP in una prima tiratura ad edizione limitata, con vinile trasparente e il manifesto THE PSYCHODONNA FAMILY disegnato dalla stessa Rachele.

Rachele Bastreghi Psychodonna