La storia delle BlackPink su Netflix: «Un documentario che porta luce e gioia»

Dagli esordi alla performance al Coachella, il documentario sulle BLACKPINK arriva su Netflix il 14 ottobre.
- - Ultimo aggiornamento
loading

È finalmente disponibile su Netflix BLACKPINK: Light Up the Sky, il primo documentario sul K-pop della nota piattaforma streaming, incentrato sulla storia delle quattro ragazze sudcoreane che hanno battuto ogni record discografico.

Diretto da Caroline Suh e prodotto da RadicalMedia, il film unisce interviste esclusive a riprese inedite della band composta da Jisoo, Jennie, Rosé e Lisa. Un film che ripercorre la loro storia, dall’apprendistato fino al fenomeno globale che sono diventate. L’anteprima delle registrazioni fatte durante la produzione del secondo album condurrà gli spettatori in un viaggio tra gli alti e i bassi del gruppo K-pop. Il film culmina con la storica performance al Coachella 2019, dove le BLACKPINK sono state il primo gruppo K-pop femminile ad esibirsi.

LEGGI ANCHE: BlackPink, su YouTube superano Eminem per numero di iscritti

«Il fenomeno del K-pop sta sconvolgendo il mondo e le BLACKPINK sono diventate il gruppo femminile probabilmente più famoso e riconoscibile al mondo. – ha commentato Adam Del Deo, VP Documentary Features di Netflix – La solida relazione della regista Caroline Suh con Jisoo, Jennie, Rosé e Lisa ha favorito momenti spontanei e onesti che danno agli spettatori un quadro autentico della vita delle BLACKPINK, oltre a descrivere la passione e la dura preparazione delle componenti della band per ogni canzone di successo, ogni concerto indimenticabile e per il tour da tutto esaurito. Siamo entusiasti di poter presentare la loro storia ai fan in ogni angolo del mondo».

«Non vediamo l’ora di raccontare attraverso Netflix le nostre storie personali ai Blink di tutto il mondo! – hanno dichiarato le BlackPink – Speriamo che questo documentario porti luce e gioia agli spettatori e che si divertano a seguire sullo schermo il nostro percorso degli ultimi quattro anni».

BLACKPINK: Light Up the Sky su Netflix, la sinossi

Dal loro debutto nell’agosto del 2016, le BlackPink sono diventate il gruppo K-pop femminile di maggior successo di tutti i tempi. BLACKPINK: Light Up The Sky offre scorci inediti che i fan mondiali di BLACKPINK, detti BLINK, aspettavano da anni.

Il documentario diretto da Caroline Suh (Sale, grassi, acidi, calore di Netflix) fornisce un quadro approfondito su ciascuna delle quattro BLACKPINK. Jisoo, la brillante unnie (sorella maggiore) del gruppo, con un senso dell’umorismo bizzarro, Jennie, la rapper il cui aspetto agguerrito sul palcoscenico è in contrasto con la sua natura gentile, Rosé, l’australiana dalla voce flautata ormai cantautrice matura e infine Lisa, la regina della pista dall’elettrizzante personalità che riesce sempre a far ridere il resto del gruppo.

Le BlackPink continuano a raggiungere nuove vette, dai tour mondiali che fanno il tutto esaurito fino a diventare il primo gruppo femminile coreano a esibirsi al Coachella. Ognuna di loro riflette sugli alti e bassi legati alla fama, oltre ai percorsi spesso accidentati che le hanno portate al successo mondiale. BLACKPINK: LIGHT UP THE SKY svela il lato umano e senza filtri del quartetto. Le ragazze continuano ad essere una forza prorompente nell’espansione della popolarità del K-pop, dimostrando che la musica non ha confini o barriere linguistiche.