‘Gli Scienziati’ a ‘Pechino Express’, Barbascura X e Andrea Boscherini: «Natura e storia, un mix perfetto»

Alla quinta tappa dell’adventure game di Sky, la busta nera costringe ‘Gli Scienziati’ ad abbandonare la gara: la nostra intervista.
-
loading

La quinta tappa di Pechino Express saluta Gli Scienziati, ovvero la coppia formata da Barbascura X e Andrea Boscherini a cui è toccata la fatidica busta nera eliminatoria. I due divulgatori scientifici lasciano, così la gara, dopo aver varcato i confini dell’Uzbekistan e percorso gli 86 chilometri dalla fortezza Ayaz Qala fino alla Kuhna Ark Citadel.

“Tre aggettivi per descrivere questa esperienza?”, ci raccontano i due ormai ex viaggiatori della prima stagione targata Sky dell’adventure game. “Per prima cosa disagiata: indubbiamente questa è la parola fondamentale. Poi frenetica e affascinante, perché mentre corri se ti fermi un istante per guardarti intorno sei circondato da una bellezza incredibile. Natura e storia insieme sono un mix perfetto”.

Pechino Express Scienziati
Foto da Ufficio Stampa Sky

LEGGI ANCHE : – ‘Padre e Figlio’ a ‘Pechino Express’, Ciro e Giovambattista Ferrara: «Il nostro viaggio faticoso e imprevedibile»

“Io conoscevo Pechino Express e credo che sia una delle poche trasmissioni davvero culturali che abbiamo in Italia”, continua Barbascura X commentando la propria partecipazione. “Anche perché lo reputo un documentario di viaggio. E proprio in quanto tale, è stato incredibile poterne fare parte; appena ci è stato proposto, abbiamo detto immediatamente di sì. Come si fa a dire di no alla proposta di una corsa incredibile per il mondo facendo un’avventura pazzesca con l’aggiunta del fattore competizione? Avrei pagato per fare un viaggio così!”, sorride ancora lo scienziato tarantino.

LEGGI ANCHE : – Le Iene, il monologo di Fabri Fibra sugli hater

Gli fa eco il collega : “Fare un viaggio in posti in cui normalmente non andresti è stato quello che mi ha spinto in assoluto a partecipare. Come ha detto Barbascura è stata un’esperienza incredibile e poi ci ha anche permesso di uscire un po’, se vogliamo, dallo standard classico. Sicuramente è stato qualcosa di diverso, che unisce viaggio, natura, cibo e cultura: c’è tutto per potersi divertire”.

Foto da Ufficio Stampa Sky