Medium: «Con ‘Disoriente’ mi ricongiungo al vero me artistico»

Medium ci racconta l'EP 'Disoriente', uscito in digitale il 25 marzo 2022. Un progetto «figlio di questi tempi».
- - Ultimo aggiornamento
loading

Si intitola Disoriente il nuovo EP di Medium, alias di Massimo Gaetano, su tutti gli store digitali per La Grande Onda e distribuito da Altafonte. Un progetto «figlio di questi ultimi due anni» e che – già dal titolo – indica uno stato di confusione e di mancanza di orientamento.

«Negli ultimi due anni tutti sono rimasti chiusi in casa e isolati. – ci dice Medium – Mi serviva un termine che potesse sintetizzare lo stato d’animo che, secondo me, vive il mondo nel post- pandemia. È disorientato».

LEGGI ANCHE: L’Elfo racconta ‘Milord’: «Non seguo la moda, la creo»

Anticipato dal singolo Angeli Blu, Disoriente conferma la forza della penna di Massimo e anche la sua vocazione per melodie senza troppi orpelli.

«Siccome io scrivo frasi profonde, centro nevralgico della mia scrittura, con i miei produttori abbiamo scelto di usare pochi strumenti, ma che accompagnassero bene la poetica dell’EP. – continua – Siamo fan di produzioni un po’ più scarne a livello sonoro, che accompagnano le parole senza sovrastarle».

Medium Disoriente

Medium e la speranza per il futuro

In molti sicuramente ricorderanno Massimo per il progetto Sierra, con cui aveva partecipato a X Factor.

«Ho cominciato da solo, ma parallelamente ero in gruppo e ho fatto direzione artistica. – commenta – Portavo idee in studio e le proponevo agli altri. Non credo sia un grande cambiamento, forse più per chi mi ha conosciuto come Sierra. È una novità per gli altri, ma metterci la faccia da solo è un altro discorso. Mi volevo ricongiungere col vero me artistico di quando ho cominciato».

E sul futuro aggiunge: «Ci sono stati anni in cui le parole non contavano più, dal 2015 in poi. Ma dopo questi due anni anche le persone più superficiali hanno dovuto affrontare se stesse. Sta tornando la penna profonda. Adesso questa cosa giocherà a favore di chi, come me, porta contenuti più poetici. Sono speranzoso per il futuro».