Yuman a Sanremo 2022: «Ora il Festival, poi tanta musica per chi ne ha bisogno»

Yuman ci racconta il brano 'Ora e Qui', che porterà sul palco del Festival di Sanremo 2022. La nostra intervista.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Dalla vittoria di Sanremo Giovani con Mille Notti al palco dell’Ariston tra i Big per Sanremo 2022: gli ultimi mesi per Yuman devono essere stati incredibilmente sorprendenti. E infatti il cantautore – che al Festival porta il brano Ora e Qui – ci confessa di essere ancora incredulo. Ma di essere disposto a mettercela tutta per presentare al pubblico la propria musica.

LEGGI ANCHE: Yuman, il nuovo singolo ‘I Am’: «Frutto di una nuova consapevolezza»

«Il cast è stellare e Amadeus ha scelto nomi veramente grossi. – ci dice Yuman a proposito dei suoi colleghi di Sanremo – Secondo me sarà un Festival molto seguito. Ho avuto il piacere di ricevere i complimenti da Morandi. E infatti non vedo l’ora di beccarlo, perché è un’istituzione. Per il resto è assurdo ritrovarsi lì. Ma non mi fermo mai un attimo a pensarci. Mi comporto come se fossi uno di loro, sotto copertura».

Yuman Sanremo

Scritto insieme a Tommaso Di Giulio e Francesco Cataldo (anche produttore e arrangiatore), Ora e Qui per Yuman è un «upgrade» di Mille Notti.

«Quando parti per Sanremo Giovani non sei certo di finire a Sanremo Big. – ci racconta – In quel momento però pensi a Sanremo Giovani, perché è un primo step. Ed è stato un passo bellissimo per me. I ragazzi avevano tutti pezzi molto belli, sono simpaticissimi, bravissime persone. E non ho dubbi che ognuno avrà la propria carriera. Una volta finito Sanremo Giovani ci siamo trovati a fare subito le corse per Sanremo. Perché esci e devi già decidere tutto. Devi già decidere quale cover porti. Prima non ci avresti nemmeno pensato. Arriva tutto insieme, come una catapulta. In questo momento, però, non mi sento il vincitore di Sanremo Giovani, ma un artista che sta andando a partecipare a Sanremo 2022».

Il giovane cantautore romano, di padre capoverdiano, alla fine come cover ha proposto una versione molto personale di My Way di Frank Sinatra, insieme alla pianista Rita Marcotulli. A dirigere l’orchestra in tutte le esibizioni sanremesi ci sarà uno dei direttori d’orchestra più stimati d’Italia, Valeriano Chiaravalle.

«Rita Marcotulli era la più azzeccata. – commenta Yuman – È una grandissima artista, che porterà il suo tocco. My Way, per me, è un pezzo di vita. Quando il mio producer Francesco Cataldo me l’ha proposta gli ho risposto subito di sì. Secco, deciso. Cercherò di dare del mio, ma rispettando la canzone. È un brano che non tramonterà mai».

E poi, dopo Sanremo, l’11 febbraio uscirà l’Ep Qui. Anche se Yuman sogna, soprattutto, di poter finalmente suonare dal vivo.

«Indipendentemente da come vada, voglio suonare tanto. Voglio fare tanta musica per coloro che hanno bisogno o voglia di ascoltare. – ci dice – Ho tantissima musica da fare e da far uscire. Quindi ce la metto tutta. Uscirà un Ep e avremo una band pazzesca. Dovrà essere curato tutto fino all’ultimo».

Foto: Claudia Pajewski