PFM, ‘Ho sognato pecore elettriche’: «Musica sempre, musica nuova»

Da venerdì 22 ottobre è disponibile ‘Ho sognato pecore elettriche/Dreamed of Electric Sheep’, il nuovo album di inediti di PFM in italiano e inglese.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Un titolo che è già tutto un programma per il nuovo progetto di inediti di PFM – Premiata Forneria Marconi. Da venerdì 22 ottobre, infatti, è disponibile ‘Ho sognato pecore elettriche/Dreamed Of Electric Sheep’, album di studio numero venti per la band che ha fatto la storia del rock in Italia e non solo. Rilasciato in tutto il mondo nella doppia versione italiana e inglese, il disco vede la presenza di ospiti speciali, tra i quali Ian Anderson, Steve Hackett oltre a Flavio Premoli che di PFM è stato co-fondatore.

“Io e Patrick siamo sempre stati fan della fantascienza e, tra i titoli del genere, ‘Blade Runner’ è quello che ci ha segnato di più”, esordisce Franz Di Ciocco nel presentare il lavoro. “In qualche modo, il loro racconto del futuro, abbiamo scoperto che si sta acclarando in questo nostro tempo, purtroppo. In questo disco abbiamo voluto riflettere su quello che sta succedendo attorno a noi. Non siamo contro niente e nessuno, men che meno contro la tecnologia, ma ci sono campanelli d’allarme che ci fanno capire che stiamo perdendo il potere del sogno e dell’immaginazione”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Premiata Forneria Marconi (@pfm.premiataforneriamarconi)

“Nessuno senza sogno farebbe ciò che ha fatto, nessuno avrebbe inventato nulla”, continua il musicista di PFM. “Da qui siamo partiti per un viaggio da cui è scaturito un concept album in cui ogni brano ha una storia. E non è un caso che in apertura e in chiusura ci siano due brani strumentali: danno il climax di quello che sta succedendo. La prima traccia è un’allegoria che fa entrare in quello che sta accadendo con la sua musica chi diventa via via più ostinata e distopica come il caos del mondo.

“Il disco si chiude con un brano strumentale, una jam session che è un regalo che abbiamo voluto fare a noi stessi come musicisti”, affermano Franz e Patrick. “Da cinquant’anni il nostro divertimento è fare musica”.

Alle parole di Di Cioccio, il collega bassista aggiunge: “Abbiamo fatto questo album in un momento difficile per tutti ed è stata una fortuna perché quando si fa musica si dimentica tutto. Così abbiamo attraversato un periodo brutto e siamo felici, oggi, di sapere che si può riprendere anche coi concerti. In più, la pandemia sta finendo e queste sono notizie meravigliose”.

LEGGI ANCHE: Luce Social Club: la nuova stagione

Passato, presente e futuro si incontrano quando si parla di PFM, che ha sempre saputo muoversi sulla scena musicale con coerenza e innovazione. “La musica della PFM non sarà mai uguale a quella che ha già fatto in passato perché a noi piace modificare sempre le cose. Per questo, per noi, il passato e il futuro sono sempre insieme. Musica sempre, musica nuova: non si può rimanere alle cose fatte nel passato”.

“Il rock progresso non è un genere musicale, è un non genere musicale – spiega PFM – È essere aperti a qualunque cosa. Oggi prog è libertà nella musica: non è il tipo di musica, quello che conta è come la si fa”.

In occasione della pubblicazione di ‘Ho sognato pecore elettriche/Dreamed Of Electric Sheep’, PFM – Premiata Forneria Marconi incontrerà i fan negli Instore:

  • il 22 ottobre a GENOVA (ore 18.00 Feltrinelli Genova c/o Albergo dei Poveri)
  • il 26 ottobre a ROMA (ore 18.00 Feltrinelli Roma, Via Appia Antica)
  • il 27 ottobre a MILANO (ore 18.30 Feltrinelli Milano, Piazza Duomo)
 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Premiata Forneria Marconi (@pfm.premiataforneriamarconi)

Foto di Orazio Truglio da Ufficio Stampa Parole & Dintorni