‘La Misteriosa Accademia dei Giovani Geni’, Gia Sandhu e MaameYaa Boafo: «Il trionfo degli underdog»

Gia Sandhu e MaameYaa Boafo ci raccontano 'La Misteriosa Accademia dei Giovani Geni', che debutta su Disney+ il 25 giugno.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Venerdì 25 giugno debutta su Disney+ con un doppio episodio La Misteriosa Accademia dei Giovani Geni. La storia ruota intorno a quattro giovanissimi bambini prodigio, reclutati dal bizzarro Signor Benedict per salvare il mondo da una crisi globale, conosciuta come L’Emergenza. Tony Hale vestirà i panni dei fratelli gemelli Mr. Benedict e L.D. Curtain, ma il cast è ricchissimo.

MaameYaa Boafo e Gia Sandhu interpretano infatti due donne forti e rivoluzionarie, diversissime tra loro. La prima è la coraggiosa Rhonda Kazembe, mentre la seconda veste i panni della materna Ms. Perumal.

«Credo che il desiderio di Ms. Perumal di incoraggiare la gioventù e in particolare Reynie sia bellissimo. – ci dice Gia Sandhu – Vede qualcosa di speciale in lui. È un bambino brillante che purtroppo subisce bullismo per il suo dono. Per lui, lei è come l’ultimo genitore. Interviene e prova a definire un percorso che può segnarlo per tutta la vita».

La Misteriosa Accademia dei Giovani Geni

«Io invece credo che Rhonda sia un personaggio con cui è facile relazionarsi. – aggiunge MaameYaa Boafo – Una cosa che amo di lei è che non si scusa mai per il fatto di cercare la verità, anche se rischia tutto. Si batterà sempre per ciò che è giusto. A qualunque costo. Questo mi ha ispirata molto. Ammiro molto le persone così».

La Misteriosa Accademia dei Giovani Geni, il lavoro dei costumisti

Le due attrici ci raccontano com’è stato per loro lavorare in piena pandemia e quanto sia stato importante realizzare una serie così dettagliata e, in parte, magica. Dai vestiti alla sceneggiatura.

«Parlando di costumi, nella serie i vestiti sono molto chiari in contrasto con i colori del mondo. – dice MaameYaa Boafo – Penso che i costumisti siano stati fantastici. Il fatto che noi li indossassimo e rappresentassimo questa luce credo sia bellissimo».