Cartapesta: «Il nostro obiettivo è creare musica che abbia un messaggio»

'Quello che si perde' è il secondo singolo dei Cartapesta. E nel video lo sport è metafora della resilienza.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Dopo il singolo di debutto Rimani, i Cartapesta tornano con un nuovo singolo, Quello che si perde. La band – composta dal cantante Roberto Colzani, dal musicista Riccardo Diecidue e dall’autore Carlo Banchelli – conferma dunque la sua propensione ai brani veicolo di un messaggio.

«Il primo singolo Rimani è uscito a novembre nel 2020. – ci raccontano Carlo e Riccardo – Nasceva con l’idea di scrivere un brano che trattasse il tema del ricordo e della conservazione delle cose positive del passato. Succedono tante cose, ma spesso ci ricordiamo meglio le cose belle».

«Quello che si perde – aggiungono – parla invece della perseveranza che serve per raggiungere i propri obiettivi e i propri sogni. Bisogna continuare a inseguirli anche crescendo. Nel video abbiamo usato la metafora dello sport per spiegare la resilienza».

«Nella vita – spiegano i tre ragazzi lombardi – capita di sentirsi smarriti, persi tra la necessità di trovare una strada sicura e il desiderio di inseguire i nostri sogni. Da bambini ci crediamo più legittimati a fantasticare. Crescendo, la paura del giudizio altrui e le insicurezze ci allontanano dai nostri desideri. Ma forse è proprio da grandi che meritiamo di darci la possibilità di sognare. Quando siamo pronti ad affrontare il mondo con la giusta maturità e la consapevolezza degli adulti».

Nel video troviamo infatti il campione italiano di salto in alto Gianmarco Tamberi, la karateka campionessa mondiale Sara Cardin, il campione del mondo di Skating Lorenzo Guslandi e la medaglia d’oro europea di ginnastica artistica Enus Mariani.

«Abbiamo tutti una personalità. – concludono i Cartapesta – Pensiamo molto e l’obiettivo è portare contenuti nei testi e negli arrangiamenti».