Europe Shine a Light, Diodato: «La musica è unità, siamo un corpo unico»

Sabato su Rai 1 andrà in onda 'Europe Shine a Light'. Le parole di Diodato, che si esibirà con la sua 'Fai Rumore', e di Amadeus.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Sabato 16 maggio, a partire dalle 20.35, andrà in onda su Rai1 Europe Shine a Light – Accendiamo la musica, evento che riempirà il vuoto lasciato dalla cancellazione dell’edizione 2020 dell’Eurovision Song Contest.

La competizione, per la prima volta dal 1956 nella storia della kermesse, non ci sarà. Ma questo non ha impedito di realizzare un format che – attraverso clip e speciali video – proverà quantomeno a far rivivere nelle case di tutta Europa quella sensazione di unità tipica dell’Eurovision. Per l’Italia, ci sarà ovviamente il contributo di Diodato con la sua Fai rumore – vincitrice del Festival di Sanremo 2020 – ma non solo.

Nella conferenza stampa di presentazione, è intervenuto anche Amadeus che ha lodato il brano del cantautore e la sua forza emotiva.

«Il merito del successo di Diodato è solo suo. – commenta il conduttore – Sono subito rimasto colpito dall’atmosfera di questo brano e ho subito deciso che doveva far parte del Festival. A dicembre ho comunicato a Diodato la notizia e gli ho detto Se quando la canti allarghi le braccia, vinci Sanremo. Durante la prima puntata, ha aperto le braccia. Lì ho pensato Ora vince. Questo brano avvolge tutti, rilascia un’emozione pazzesca. Ancora oggi non mi stanca e sono sicuro che, tra sette mesi, sarà uguale. Fai rumore è partita da Sanremo, è arrivata sui balconi d’Italia e da lì in tutta Europa. Non ha mai smesso di emozionarci».

«Quando ho scritto Fai rumore sono partito dalla mia intimità. – racconta poi Diodato – Quando l’ho presentata al Festival, ho spiegato che era un invito a manifestare la propria umanità. Pensavo di aver raggiunto un picco emotivo vincendo Sanremo, perché mai mi sarei aspettato di provare l’emozione che ho provato quando ho visto che la canzone era diventato un urlo di liberazione. Vederla cantare dai balconi da palazzi interi mi ha sconvolto, mi ha ricordato cosa deve fare la musica e ha dato un senso più profondo a tutto, anche alla mia canzone. Mi sono riconnesso con la voglia di fare musica per comunicare e raccontare e per farla diventare la sensazione di qualcun altro. È il regalo più grande che può farti la musica».

LEGGI ANCHE: Diodato dedica ‘La Cura’ di Battiato all’Italia

«Non ci sarà l’Eurovision, è vero. – continua Diodato a proposito di Europe Shine a Light – Avrei dovuto partecipare alla manifestazione più vista al mondo, ma in un momento come questo per mia indole non riesco a vedere il lato negativo. Questo show è importantissimo, perché abbatte le barriere e i confini e dimostra che la musica può essere unione. Sottolinea che siamo tutti uguali e che la musica ci permette di essere più uniti, anche più della nostra politica. L’Europa in questo periodo ha avuto difficoltà nel dimostrare unità e quindi questa manifestazione è ancora più importante. Siamo un corpo unico».

Diodato, nel corso del programma, canterà Fai rumore in un’Arena di Verona vuota. «Cantare quella canzone da solo in un tempio della musica mondiale e poter riaccendere le luci, è stata un’emozione fortissima. – commenta infine il cantautore – Sentire risuonare la mia voce in quel luogo magico e tornare indietro con un bagaglio culturale e di storia millenaria è veramente impressionante. Ho avuto la sensazione di vivere in un tempo sospeso e sono sicuro che dalle immagini arriverà a tutti».