Marco Checchetto: “Grazie a Spiderman ho intrapreso la carriera di disegnatore”

In occasione dell'anteprima milanese di Avengers: Endgame, il disegnatore Marco Checchetto si è esibito in una perfomance live.
-
loading

In occasione dell’anteprima di Avengers: Endgame al cinema Orfeo di Milano, il disegnatore Marco Checchetto – autore insignito da Marvel del premio Young Guns destinato agli illustratori più talentuosi – si è esibito in una performance live.

Una performance non facile, come sottolinea Marco in quest’intervista, perché “è la prima volta che disegno in un formato così grande – scherza Checchetto – un formato lenzuolo oserei dire. Sono arrivato e ho fatto quello che ho potuto”.

LEGGI ANCHE: Zerocalcare e l’epica delle periferie

“Quello che ho provato quando mi hanno nominato per il premio Young Guns è indescrivibile perché per un autore credo sia il coronamento di un sogno” ci racconta Marco, che poi rivela quale sia il suo personaggio preferito di sempre: “Il personaggio Avengers a cui sono più legato, anche se non è propriamente un Avenger, è Spiderman, perché è il personaggio che mi ha fatto decidere di intraprendere questa professione. Avevo 7 anni quando ho letto il primo fumetto e da lì entrare in Marvel Comics per me è stata un’ossessione che sono riuscito a rendere reale”.

“Ora sono impegnato sulla serie Daredevil che ha da poco avuto un rilancio – conclude infine Marco parlando dei suoi prossimi progetti – e continuerò per un po’. Sto anche realizzando le copertine di una serie mensile di Conan e mi occuperò delle copertine di alcuni comics legati al prossimo film di Star Wars”.