‘L’amico imperfetto’, Rosario Galli presenta a Salerno il suo primo romanzo

Appuntamento al Teatro Antonio Ghirelli di Salerno il 31 marzo per la presentazione de 'L'amico imperfetto', romanzo noir di Rosario Galli sulla crisi del maschio.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Si svolgerà in forma di ‘quasispettacolo’ al Teatro Antonio Ghirelli di Salerno il 31 marzo la presentazione del romanzo ‘L’Amico Imperfetto’ di Rosario Galli – Edito da fila37. L’autore dialogherà con il giornalista Eduardo Scotti, in una serata di letteratura e spettacolo con incursioni non accademiche di Carlo Vigorito. Ci saranno anche letture, commenti e altro di Andrea Carraro, Amelia Imparato, Paolo Gasparini. Incursioni di Aurora Convertini con il sostegno Antonella Iannone.

LEGGI ANCHE: >> Teatro in cuffia nei Grandi Parchi Archeologici: dal 10 aprile al 5 giugno

L’amico imperfetto, trama

Dopo il successo come autore di numerose pièce teatrali, tra cui il cult ‘Uomini sull’orlo di una crisi di nervi’, Rosario Galli debutta con il suo primo romanzo, ‘L’Amico Imperfetto’. Una storia coraggiosa e a tratti irriverente che si muove sui binari del romanzo psicologico, colorito di sfumature noir. Il protagonista de ‘L’Amico Imperfetto’ – il Principe – si muove tra Parigi e Roma, in una storia intricata, guidata dalla sua dissociazione mentale e dal suo rapporto – indubbiamente turbolento – con il gentil sesso, nell’era della crisi del maschio.

La tenerezza, la fragilità e la vulnerabilità del protagonista, dietro a una dichiarazione di forza, di violenza, di apparente invincibilità, diventano specchio di un momento sociale, fornendo un’analisi del contemporaneo, ma al tempo stesso raccontano la malattia. E il rapporto tra i sessi diventa il vero protagonista dei racconti del Principe, assumendo una nuova prospettiva, più profonda e autentica.

‘L’Amico Imperfetto’ è un romanzo psicologico noir che rappresenta il ritratto della dissociazione mentale del protagonista, il Principe. Il narratore fin dalle prime pagine gioca con il lettore, lo mette alla prova e inizia a costruire un legame, attirandolo nel caos di questo nulla incomprensibile dal quale si trova a raccontare. È un narratore sui generis, che scardina le regole narrative classiche.

Chi è il Principe

La personalità del Principe è al centro del romanzo, è sfaccettata e complessa e come una calamita attrae chi legge nel vortice dei suoi pensieri, nelle digressioni necessarie a rendere chiara l’idea di questo personaggio. Confuso, solo e con il bisogno di ricostruire il proprio passato e di scoprire chi l’abbia ucciso e perché. Il testo si chiude in modo spiazzante, capovolge completamente l’interpretazione dei fatti, sorprende ma non conclude veramente il romanzo. Questo infatti resta aperto e chiama il lettore a interrogarsi sulla vera identità del protagonista che diventa, dopo le rivelazioni finali, un mistero da risolvere.

Foto: Stefania Casellato via HF4