Ariete, in “Specchio” l’amore e le incertezze della Gen Z

Forte dell'ottimo riscontro dei due EP precedenti, Ariete dà alle stampe il primo album "Specchio", in uscita venerdì 25 febbraio. La nostra recensione
- - Ultimo aggiornamento
loading

Dopo il successo dei due EP pubblicati nel 2020, Ariete lancia venerdì 25 febbraio “Specchio”, il primo album di inediti. 11 brani tra cui i due singoli “Club” e “L” e due collaborazioni importanti: quella con Madame in “Cicatrici” e con Franco126 per “Fragili”. Un viaggio introspettivo ma non autoreferenziale, anzi: ritrovarsi nei racconti in musica di questa cantautrice è fin troppo facile.

LEGGI ANCHE : >> ‘Mielemedicina’, Anastasio: «Non solo tristezza e rabbia»

Lo “Specchio” di Ariete

Allo specchio ci si guarda per quel che si è, pregi e soprattutto difetti e cicatrici compresi. È forse l’unico momento in cui l’essere umano si concede il lusso di mostrarsi nudo, senza difese. Lo “Specchio” di Ariete non fa eccezione: ci sono paure, ricordi, debolezze.

Ho chiamato questo disco ‘Specchio’ – spiega la cantautrice di Anzio a RTL 102.5 – sia per ricordarmi anche tra cinque anni come sono oggi e che ho avuto il coraggio di guardarmi allo specchio, e sia per le persone che da sempre mi dicono che si rivedono nei miei testi. È un disco che consiglio a tutti, in cui parlo a tante persone. Lo consiglio alle persone di un’età più avanzata per capire che a volte non siamo noi il problema, e agli adolescenti per ritrovarsi anche nel mio mondo e condividere le nostre idee.

Ariete album specchio

Voglia di verità

Mescolando sapientemente rap e cantautorato la non ancora 20enne Ariete dà voce ai propri pensieri, che sono inevitabilmente quelli della Gen Z. Ne esce quindi il ritratto di una generazione che cerca non senza fatica un posto nel mondo e desiderosa di essere quel che è, senza bisogno di etichetta alcuna. Lo dimostra anche il modo in cui i brani di “Specchio” trattano l’amore, sempre onesto fino in fondo. La verità, d’altronde, è un elemento imprescindibile per Ariete, che precisa:

Utilizzo la musica come via più facile d’espressione, in realtà non sono il tipo di persona che si lascia e la prima cosa che fa è scrivere una canzone. Spesso scrivo canzoni anche due anni dopo, non perché non l’abbia superata, ma perché riesco a prendere in maniera oggettiva una storia che mi ha fatto male e quando sto bene riesco a parlarne senza problemi e a tirarne fuori una storia. D’altra parte, ci sono canzoni che ho scritto di getto, sono canzoni arrabbiate e a volte me ne pento. Mi è capitato di scusarmi con una ex perché sono stata un po’ troppo cattiva.

Le date del tour

Il suo sarà pure “bedroom pop”, come viene definito, ma “Specchio” conferma che Ariete è definitivamente pronta a lasciare per sempre la cameretta e prendersi spazi ben più ampi. Come quelli delle venue che da marzo ospiteranno l’“Ariete – Club Tour”, già quasi tutto sold out. Di seguito le date:

12 marzo @ALCATRAZ – MILANO

13 marzo @ALCATRAZ – MILANO – SOLD OUT

17 marzo @GRAN TEATRO GEOX – PADOVA – SOLD OUT

18 marzo @TEATRO CONCORDIA DI VENARIA REALE – TORINO – SOLD OUT

21 marzo @TUSCANY HALL – FIRENZE – SOLD OUT

23 marzo @CASA DELLA MUSICA – NAPOLI

27 marzo @ATLANTICO – ROMA – SOLD OUT

28 marzo @ATLANTICO – ROMA – SOLD OUT

Foto: Ieie via Ufficio Stampa Wordsforyou