Lacrima=piccolo mare

-
Lacrima=piccolo mare

Prod. Vanegas/Venerus
(V. Gervasi)

Forse l’unico pezzo che ho scritto su un beat, eppure di questo beat mi sono innamorato dalla prima volta che l’ho sentito. Bravo Vanegas.

Cominciato a Roma, finito a Milano. Il ritmo di questo brano ti frega: quando parte ti rendi conto che l’avevi intuito sbagliato, o per lo meno per me è stato così. Poi aggiungi Gerva che suona il sax con l’autotune, e un finale progressive con mille strati di MOOG. L’umore è denso, e per quanto le parole siano belle evidentemente stavo prevedendo dei problemi in arrivo.