«Gli strumenti non servono a nulla se non li suoni»

-
«Gli strumenti non servono a nulla se non li suoni»

«Nel comporre la musica per il gioco mi sono lasciato ispirare dalla natura, dal clima, dalla vita tradizionale del Giappone e dalla sua musica caratteristica. Le mie produzioni includono diversi strumenti della tradizione giapponese come gli shakuhachi, i koto e i taiko. Ma gli strumenti non servono a nulla senza qualcuno che li suoni.  Ritengo che i musicisti siano una proiezione indispensabile della mia persona.  Loro danno vita alla musica che immagino e che desidero narrare, trasmettendola agli ascoltatori.  Senza questa collaborazione, sarei solo un musicista di strada a cui nessuno presterebbe attenzione».